CANTIERE CREATIVO

PER LA NEW MEDIA ART

Leggendo “Tatto e Linguaggio” di Marco Mazzeo…

Gibson James J. distingue tre forme di percezione tattile. La prima è definita tatto passivo o cutaneo (passive or cutaneous touch) e si riferisce alla condizione nella quale la pelle subisce il contatto di un altro corpo che le si avvicina.

E’ la modalità percettiva tattile meno efficace che consiste semplicemente nella stimolazione della pelle e dei tessuti più profondi senza alcun movimento di articolazioni o muscoli.

La seconda è chiamata tatto attivo (active touch). E’ la modalità tattile più efficace per il riconoscimento della forma. E’ un senso esplorativo più che recettivo.

Si tratta di movimenti esplorativi non operativi. Accomunando i movimenti tattili delle dita con i movimenti degli occhi, il tatto atttivo può essere definito una sorta di esplorazione tattile (tactile scanning) in analogia con l’esplorazione oculare (ocular scanning).

Il terzo tipo di percezione tattile è definita da Gibson tatto dinamico (dynamic touch). Si tratta di una forma di percezione tattile coinvolta soprattutto nella valutazione del peso dei corpi e nell’impiego di bastoni (o di qualunque tipo di sonda) per l’esplorazione di ciò che ci circonda.

A differenza del tatto attivo il dynamic touch coinvolge quindi, non solo stimolazioni cutanee e movimenti articolari ma anche sforzi muscolari. La mano passa così dalla funzione di utensile a quella di motore nei confronti di un altro utensile esterno.

  • Iscriviti alla newsletter

  • Inaugurazione quarto cantiere – IMAGINARY CORPUSCOLI

    <KENOX S860  / Samsung S860>3<KENOX S860  / Samsung S860><KENOX S860  / Samsung S860><KENOX S860  / Samsung S860>IMG_2410
  • Inaugurazione terzo cantiere – Progetto Asterisco

    481143294620
  • Inaugurazione secondo cantiere – Zoon ::: 5.4.2011

    img_2026img_1978img_2028img_2032img_1979img_2030
  • Inaugurazione primo cantiere – INSECTIONE Défiguration

    920147281