CANTIERE CREATIVO

PER LA NEW MEDIA ART

C’est ce qui n’est pas homme autour de lui qui rend l’homme humain. Plus

sur terre il y a des hommes, plus il y a d’exaspération.

H.Michaux

E’ciò che è non uomo attorno a lui che rende l’uomo umano. Più sulla terra ci sono uomini più c’è esasperazione…H.M

La stazione di Milano ti raccoglie e dopo un caffè consumato con un amico caro, ti conduce nei posti che avevi immaginato a distanza. Dopo una notte di riposo arrivo in Galleria D’Ars, prima negli uffici poi in galleria: Martina, Viola, Cristina (I love), Grazia, sono loro che hanno reso possibile questo sogno, questo cantiere per la new media art.

In Galleria, uno spazio di foglie e luminoso bianco, incontro i miei giovani ed espertissimi programmatori: Tommaso, Manuel e Davide.

Hanno già lavorato in parte alla programmazione, lo abbiamo fatto a distanza. Adesso viene il bello.

Programmare insectione con l’artista in studio che si sorprende e prova stupore per il processo di lavorazione della sua idea.

Un processo fatto di dati, numeri, patch, schermate di errore, webcam, cavi, trapani, processing e pure data.

Insectione capovolge il normale comportamento uomo insetto, favorendo l’incontro tra le specie; è un antidoto alla malattia della forma, quella normopatia che ci separa dalle forme instabili, dalla diversità. Nel lavoro lo spettatore viene sovraesposto all’agente fobico (insetto) con una tecnica che si chiama Flooding, dicevano, e che aiuta il soggetto a desensibilizzarsi. Nell’installazione una webcam cattura e traccia il movimento dello spettatore e ad ogni variazione corrisponde un cambiamento del video, proiettato e procedentemente programmato (Pure data e processing) e del suono.

(in foto installazione webcam e tracciamento del movimento)

Il risultato finale dovrebbe essere un inondazione, lo spettatore più si avvicina alla parete più gli insetti si moltiplicano e si muovono con lui. L’idea di performare il lavoro mi stuzzica, vedremo se sarà veramente possibile.

E’una ricerca, bisogna essere pazienti, osservare, pensare, capire come e cosa può funzionare veramente.

Ciò che trovo senza dubbio affascinante è il processo di programmazione del lavoro, lo studio, ricercare ricercare poi cancellare, e riprovare.

Non è tanto diverso dal concetto di laboratorio teatrale teorizzato da Grotowski circa 50 anni fa…eppure tutto questo a Napoli non sarebbe stato possibile. Ingenuamente si pensa che ci vuole una tecnologia avanzata e non ci sono soldi per questo, e sei troppo giovane (??)…e penso a spettacoli dove le maschere di pulcinella hanno saturato e spento totalmente il desiderio di trovare qualcosa di personale e contemporaneo a teatro…

Spazio ai giovani per piacere.

(in foto Insectione, programmazione e installazione, Milano 2011, galleria D’Ars)

  • Iscriviti alla newsletter

  • Inaugurazione quarto cantiere – IMAGINARY CORPUSCOLI

    <KENOX S860  / Samsung S860><KENOX S860  / Samsung S860><KENOX S860  / Samsung S860>7<KENOX S860  / Samsung S860>IMG_2425
  • Inaugurazione terzo cantiere – Progetto Asterisco

    44919247
  • Inaugurazione secondo cantiere – Zoon ::: 5.4.2011

    img_1978img_2026img_2027img_2028img_2029img_2030
  • Inaugurazione primo cantiere – INSECTIONE Défiguration

    2551516328